IL GRUFFALÒ

10 APRILE 2022 - TEATRO MARIA CANIGLIA - SULMONA

13

Dicembre

di Julia Donaldson e Axel Scheffler


CAST ARTISTICO

Gruffalò

Stefano Colli


Topolino

Gaia Carmagnani


Serpente

Giuseppe Brancato


Civetta

Elisa Lombardi


CAST TECNICO

Regia e adattamento teatrale

Manuel Renga


Adattamento drammaturgico

Pino Costalunga


Assistente alla regia

Chiara Serangeli


Musiche originali di

Patrizio Maria D’Artista


Coreografie

Elisa Cipriani e Luca Condello


Costumi

Chiara Defant con la collaborazione di Gilda Li Rosi


Vocal Coach

Eleonora Beddini


Pupazzi

Mariangela Gabrieli (Mondo alla Rovescia)


Costruzioni

Guglielmo Avesani


Fotografie di

Aurelio Dessi e Francesca Marra

QUANDO

10 APRILE 2022 - ore 17.30

DOVE

TEATRO MARIA CANIGLIA - SULMONA

Trama e note del drammaturgo Pino Costalunga

Cosa fanno quattro giovani amici in un bosco? Vanno a ripulirlo, direte voi, visto che si vedono all’inizio dello spettacolo proprio mentre lo stanno facendo. Ma a noi viene il dubbio che ci vadano per passare qualche giorno e, soprattutto, qualche notte, accampati in una tenda, ad aspettare il momento più bello della giornata, cioè quando, attorno a un fuoco, si racconteranno storie di paura. E cosa c’è di meglio di un bosco di notte per una bella storia di paura?

Racconteranno la storia di un topolino che, affamato, decide di attraversare il bosco frondoso e pieno di insidie per trovare la ghianda che tanto gli piace e che incontra. Strada facendo, incontra tre brutti ceffi che lo vogliono mangiare: una volpe, una civetta e una biscia. Ma il furbo topolino è scaltro di pensiero e sa bene come cavarsela, con l’aiuto della sua grande Fantasia trova una soluzione che nessuno si può immaginare, nemmeno lui, forse: un mostro terribile dal nome assai noto ai bambini: IL GRUFFALÒ.

Lasceremo intatte le deliziose rime della scrittrice inglese e gli attori indosseranno dei fantastici costumi che si rifanno alle meravigliose illustrazioni del disegnatore tedesco. I bambini riconosceranno così facilmente quel testo, gustandosi anche divertenti e originalissime canzoni scritte appositamente per lo spettacolo. Le situazioni comiche e mimiche, nonché balli e danze, vanno ad arricchire la favola originale.

Forse qualcuno del pubblico uscirà dallo spettacolo chiedendosi se esista veramente quello spaventosissimo. Certo che esiste quel mostro: nella nostra storia, ma è un mostro per ridere e giusto per dire ai bambini: usate la fantasia, l’intelligenza e anche un bosco selvaggio e frondoso potrà diventare un luogo in cui è divertente vivere, almeno per qualche tempo, almeno per il tempo dell’infanzia.